Tu sei qui

Sempre più veicoli street food in Italia: il cibo da strada dilaga

veicoli street food
17 Luglio 2018

Sono sempre di più e con offerte gastronomiche sempre nuove i veicoli street food in Italia

Specie con l’arrivo della bella stagione, si moltiplicano lungo lo Stivale i fast food ambulanti, che vendono le numerosissime specialità gastronomiche di cui è così ricca l’Italia ma anche prodotti più etnici o di nicchia, sono colorati ed emanano profumi irresistibili.

Si mangia soprattutto a fiere e ad eventi, alcuni proprio dedicati al cibo da strada, durante veloci pause pranzo o nei classici luoghi di passaggio, parliamo del cosiddetto cibo da strada, sebbene ci siano food truck che fanno piatti talmente buoni che hanno la fila e la gente li sceglie appositamente.

È dagli anni ‘20, con i carretti, che possiamo dire inizi questo fenomeno, e dagli anni ’50/’60 l’ape 50 street food la fa da padrona, specie per la friggitoria, a volte con allestimenti ridotti al minimo indispensabile, questo mezzo è il vero simbolo dello street food made in Italy.

Ovviamente per servire prodotti più elaborati, che richiedano più cotture e preparazioni e soprattutto maggiore superficie libera su cui lavorare e magari anche maggiore superficie di esposizione è necessario un più spazioso furgone da street food, pensiamo ad hamburger o panini in genere oppure a specialità etniche.

Anche i mezzi vintage stanno spopolando negli ultimi tempi per lo street food, spesso si tratta di mezzi ristrutturati a cui viene data una seconda possibilità, sono davvero scenografici e attraenti, perfetti per prodotti del territorio con un sapore retrò, i preferiti per realizzare dei magnifici food truck sono il mitico VolksWagen T2, o l’iconico Citroen Hy Van.